Archivio Categoria: FAI DA TE

Ricetta sciroppo per tè freddo fatto in casa

tè freddo
Il tè freddo è la bevanda simbolo dell’estate!
Farlo in casa può sembrare lungo e noioso, ma c’è una scorciatoia!! Non serve fare litri di te caldo da far raffreddare per ore, basta usare un “concentrato di tè” e aggiungerlo all’acqua fredda ogni volta che gradiamo un bicchiere di bevanda rinfrescante!
Questa scorciatoia si chiama Sciroppo di tè.

Ecco cosa occorre:

  • 1 litro di acqua naturale.
  • 10 bustine di te o tisana nel gusto preferito (o 30 gr di tè sfuso).
  • 600 grammi di zucchero (o dolcificante a vostro piacimento nelle dosi rapportate a quelle dello zucchero).

Come si prepara:

  1. Portiamo ad ebollizione l’acqua in una pentola abbastanza capiente (lo zucchero ne aumenterà il volume, non usiamo un pentolino troppo giusto per il litro d’acqua).
  2. Aggiungiamo un quarto di bicchiere d’acqua fredda per abbassare un pochino la temperatura prima di mettere in infusione il tè.
  3. Lasciamo in infusione il tè per 20 minuti rimestando di tanto in tanto.
  4. Strizziamo bene le bustine stando attente a non romperle (se si rompono filtriamo prima del passaggio successivo).
  5. Aggiungiamo lo zucchero al concentrato di tè e rimettiamo sul fuoco fino a completo scioglimento dello zucchero. Evitiamo che arrivi a bollore intenso altrimenti lo zucchero si caramellizza e lascia un retrogusto amarognolo.

Per conservarlo:

Usiamo barattoli precedentemente sterilizzati (come si fa con le marmellate), oppure in una bottiglia di vetro che poi terremo in frigo una volta raffreddato lo sciroppo.

Come si usa:

  • Due cucchiai in un bicchiere d’acqua fredda.
Se la ricetta vi è piaciuta, condividetela!!
Crediti:
Foto di JASONBON su Pixabay

Togliere etichette dai barattoli

togliere etichette

Togliere etichette

Care amiche, vi siete mai chieste come togliere le etichette adesive dal vetro dei barattoli o bicchieri che in precedenza contenevano un alimento?

A me capita spesso, sia con i mitici bicchieri della NUTELLA, che con i semplici barattoli di sottacetti o sughi pronti (ebbene si, ogni tanto compro sughi pronti, mi salvano dai pranzi last minut o quando non ho proprio idee o tempo a disposizione).

Ma torniamo a noi e alle etichette e i residui di colla che rimangono sul barattolo nel tentativo di ripulirlo.

 

bottles jars glass bottle recycle 57139

 

Colla idrosolubile e liposolubile

Innanzitutto dobbiamo sapere che esistono due tipi di colle utilizzate per attaccare le etichette.

  • Colla idrosolubile: che si scioglie con l’acqua.
  • Colla liposolubile: che si scioglie con una sostanza grassa.

Visto che difficilmente possiamo sapere con quale tipo di colla è stata incollata l’etichetta che dobbiamo togliere, il primo tentativo che andiamo a fare è quello più semplice, cioè, cercare di togliere l’etichetta con l’acqua!

Primo tentativo

Prendiamo un contenitore abbastanza capiente, riempiamolo d’acqua calda e immergiamo totalmente il barattolo. Lasciamo in ammollo 10/15 minuti (se necessario lasciamo anche di più), se la colla utilizzata è idrosolubile l’etichetta si scollerà completamente da sola, senza nessuna fatica.

I barattoli e i bicchieri di nutella hanno le etichette con colla idrosolubile!

Basterà una successiva lavata classica con spugna e detersivo e ogni leggero residuo di colla andrà via.

Piano B

Se notiamo che l’etichetta non si scolla facilmente nonostante sia rimasta in ammollo in acqua calda, molto probabilmente la colla usata è di tipo liposolubile.

In questo caso procediamo così: Cerchiamo di staccare più carta possibile aiutandoci col dorso di un coltello (evitiamo di farlo con la spugna altrimenti si imbratterà di carta).

Prendiamo un batuffolo di cotone o un vecchio strofinaccio e imbeviamolo con abbondante olio da cucina (che sia d’oliva o di semi no ha importanza), a questo punto strofiniamo sulla colla, noteremo che in breve tempo la colla comincerà a staccarsi dal barattolo.

Se è necessario prendiamo un nuovo batuffolo di cotone e altro olio e continuiamo finché la colla non sarà andata via del tutto.

Per eliminare l’olio dal barattolo procedere al lavaggio tradizionale con spugna e detersivo.

Tutto chiaro?

Ricapitolando, prima proviamo con acqua calda e se l’etichetta non si toglie col primo tentativo, procediamo col piano B utilizzando semplice e comunque olio alimentare!

Tutto qui, nulla di più semplice, senza usare sostanze tossiche come acetone, trielina, benzina… assolutamente nulla di tutto ciò!

I barattoli di alimenti che vogliamo riciclare, non hanno bisogno dell’utilizzo di sostanze tossiche per essere ripuliti dalle etichette.

 

barattolo vetro alimenti

Citrosodina fatta in casa

La Citrosodina!

Care amiche, conoscete la Citrosodina? Quei granuli effervescenti che favoriscono la digestione. Parrebbe impossibile la Citrosodina fatta in casa ed effettivamente non possiamo rifare i caratteristici granuli, ma possiamo prendere gli ingredienti ed ottenere lo stesso identico risultato, lo stesso identico beneficio, lo stesso identico sapore e un risparmio assicurato.

Infatti ciò che ci serve per rifarla lo abbiamo in casa praticamente a costo zero.

Leggiamo gli ingredienti

Gli ingredienti della Citrosodina originale sono:

  • Saccarosio: ovvero zucchero
  • Sodio bicarbonato: quello che conosciamo tutti come “bicarbonato di sodio” o più semplicemente “bicarbonato”
  • Acido citrico: sostanza contenuta nel limone
  • Colorante E132: è un colorante sintetico che non ha nessuna utilità ai fini della digestione, serve solo a dare quel bel colore bianco ghiaccio alla Citrosodina.

Come possiamo notare i tre ingredienti principali: zucchero, bicarbonato e limone, si trovano nelle dispense di tutte le case!

La Citrosodina fatta in casa è quindi semplicissima!!

citrosodina fatta in casa

Citrosodina fatta in casa

La Citrosodina fatta in casa!

Prendiamo il succo di mezzo limone piccolo e lo versiamo in mezzo bicchiere d’acqua, aggiungiamo un cucchiaino di zucchero, anche se non è indispensabile ma serve a rendere più gradevole la soluzione, si mescola per far sciogliere lo zucchero e poi si aggiunge poco meno di mezzo cucchiaino di bicarbonato di sodio, a questo punto la soluzione comincerà a frizzare parecchio, lasciamo che si abbassi la schiuma e buttiamo giù l’intruglio miracoloso!

Burp!

Buona digestione a tutti!

Risparmiare detersivo per piatti

risparmiare detersivo

Pronti… Partenza… RISPARMIO!

Risparmiare detersivo per i piatti?
Si può, ecco come faccio!

Da un flacone ne ottengo due!

Il piccolo chimico che è in me

È davvero semplice ottenere il doppio del detersivo, per fare questo esperimento occorre:

  • Un flacone pieno di detersivo per piatti
  • Un flacone vuoto (con lo stesso volume di quello pieno)
  • Boccale o contenitore (con volume uguale o superiore a quello dei flaconi di detersivo)
  • Bicarbonato di sodio
  • Un cucchiaio per mescolare
  • Acqua di rubinetto (lo stesso volume del flacone di detersivo)

Procedimento

  • Riempio d’acqua il flacone vuoto e verso l’acqua nel boccale o in un contenitore (questo primo passaggio mi serve per avere la quantità d’acqua giusta e necessaria al procedimento).
  • Verso metà del detersivo per piatti nel flacone vuoto in modo da avere in tutti e due i flaconi la stessa quantità di detersivo.
  • Nel boccale dove ho versato l’acqua aggiungo due cucchiai colmi di bicarbonato (un cucchiaio per ogni mezzo litro d’acqua all’incirca, i flaconi di detersivo per piatti solitamente sono da 750 ml o da 1 lt, uso due cucchiai di bicarbonato in tutti e due i casi)
  • Mescolo il bicarbonato finché non si scioglie completamente, è indispensabile sciogliere il bicarbonato in acqua perché se messo direttamente nel detersivo ha difficoltà a sciogliersi.
  • Verso nei flaconi fino a riempirli entrambi completamente.
  • Chiudo i flaconi e agito per bene in modo da mescolare detersivo e acqua.
  • In pochi secondi la miscela diventerà più densa e assomiglierà parecchio alla consistenza del detersivo per piatti iniziale.

Esperimento riuscito!

Questa diluizione permette di ottenere il doppio del detersivo quasi a costo zero con un risparmio notevole!
Infatti l’acqua di rubinetto e bicarbonato hanno un costo davvero irrisorio.
Se avessi diluito con sola acqua avrei ottenuto un detersivo molto liquido e poco sgrassante.

L’aggiunta del bicarbonato è il segreto per ottenere un detersivo denso e molto sgrassante!

Buon risparmio, amiche mie!