detersivo

Buongiorno amiche.
oggi vi svelo come togliere le macchie dal bucato.

Pretrattare le macchie col sapone di Marsiglia

Macchie di sugo, macchie di vino, macchie d’erba, macchie di frutta, macchie di caffè, sono un incubo per il nostro bucato!!
Quante volte abbiamo pretrattato queste macchie senza successo? Io tantissime volte.
Insaponavo con sapone di Marsiglia la macchia, poi buttavo in lavatrice e spesso il bucato usciva con la stessa macchia con cui era entrato in lavatrice.
Ma come, il sapone di Marsiglia non è il miglior pretrattante in assoluto?
Cosa sbagliavo?
Ebbene, vi svelo il segreto, sbagliavo i tempi!
Si, perché il sapone di Marsiglia per legarsi alla macchia e portarla via con il lavaggio, deve agire parecchio tempo; non pochi minuti e nemmeno poche ore, per andare sul sicuro è meglio farlo agire tutta la notte.

Come togliere le macchie di unto

Se il sapone di Marsiglia è eccellente contro tutte quelle macchie “colorate” l’alleato del pretrattamento delle macchie di unto è il detersivo per piatti, me lo svelò anni fa la mia lavanderia di fiducia.
Anche se inizialmente non ottenni buoni risultati, col tempo scoprii anche in questo caso che il segreto non stava solo nel detersivo, ma nel tempo di posa.
Quindi anche con le macchie di unto, basta applicare del detersivo per piatti sopra la macchia e mettere il capo in lavatrice il giorno dopo.

Come togliere le macchie di sangue.

Le macchie di sangue non sono così difficili da togliere come si crede, basta saperle trattare, anzi… pretrattare 😉
Prima di tutto risciacquare bene la macchia in acqua fredda, mai utilizzare acqua calda perché cuocerebbe la macchia fissandola ancora di più.
Se la macchia è piccola basta semplice acqua ossigenata da versare sopra la macchia, questa comincerà a frizzare e con un risciacquo sempre in acqua fredda, andrà via senza problemi; nel caso non fosse così, versare altra acqua ossigenata e ripetere il procedimento fino alla completa rimozione della macchia poi procedere col normale lavaggio.
Se la macchia è estesa e non riusciamo a trattare localmente, possiamo utilizzare la candeggina delicata che non è altro che perossido di idrogeno, ovvero acqua ossigenata.
Prima di tutto cerchiamo di togliere via più sangue possibile lavando con abbondante acqua fredda, poi finiamo di togliere la macchia immergendola in una bacinella piena d’acqua e una discreta quantità di candeggina delicata.
Anche in questo caso, lasciamo in ammollo il più possibile.

Il segreto del successo

Ricapitolando, non importa quale sia la macchia e quale sia il prodotto che utilizziamo per smacchiare, il segreto sta nel far agire il più possibile il prodotto che utilizziamo.

La formula del successo è: “pretratti oggi e lavi domani

Pronti, partenza… risparmio!

Risparmiare sul detersivo per i piatti?
Si può, ecco come faccio io!

Da un flacone ne ottengo due!

Il piccolo chimico che e’ in me:

È davvero semplice ottenere il doppio del detersivo, per fare questo esperimento occorre:
– un flacone di detersivo per piatti (pieno di detersivo)
– un flacone vuoto (con lo stesso volume di quello pieno)
– boccale o un contenitore (con volume uguale o superiore a quello dei flaconi di detersivo)
– bicarbonato di sodio
– un cucchiaio per mescolare
– acqua di rubinetto (lo stesso volume del flacone di detersivo)

Riempio d’acqua il flacone vuoto e verso l’acqua nel boccale o in un contenitore (questo primo passaggio mi serve per avere la quantità d’acqua giusta e necessaria al procedimento)
Verso metà del detersivo per piatti nel flacone vuoto in modo da avere in tutti e due i flaconi la stessa quantità di detersivo per piatti.
Nel boccale dove ho versato l’acqua aggiungo due cucchiai colmi di bicarbonato (un cucchiaio per ogni mezzo litro d’acqua all’incirca, i flaconi di detersivo per piatti solitamente sono da 750 ml o da 1 lt, uso due cucchiai di bicarbonato in tutti e due i casi)
Mescolo il bicarbonato finché non si scioglie completamente, è indispensabile sciogliere il bicarbonato in acqua perché se messo direttamente nel detersivo ha difficoltà a sciogliersi.
A questo punto lo verso nei flaconi fino a riempirli entrambi completamente.
Chiudo i flaconi e agito per bene in modo da mescolare detersivo e acqua.
In pochi secondi la miscela diventerà più densa e assomiglierà parecchio alla consistenza del detersivo per piatti iniziale.

Esperimento riuscito!

Questa diluizione mi permette di ottenere il doppio del detersivo quasi a costo zero con un risparmio notevole!
Infatti acqua di rubinetto e bicarbonato hanno un costo davvero irrisorio.
Se avessi diluito con sola acqua avrei ottenuto un detersivo molto liquido e poco sgrassante, è infatti l’aggiunta del bicarbonato il segreto per ottenere un detersivo denso, molto sgrassante e deodorante!

Buon risparmio, amiche mie!